Libero sfogo

di Renzo Mattei

Sig. Mattei,

ho letto il suo articolo e mi duole informarLa che purtroppo, così come è scritto, non è pubblicabile. Le invio una versione modificata del suo scritto, che meglio si adatta alla nostra linea editoriale.

In fede, il Direttore

Le cose vanno male, non neghiamolo. Per colpa dei ***** la gente ha paura a camminare per strada di notte, i politici sono tutti corrotti, soprattutto le ****** ***** ******* *************, i giovani non sanno più cosa siano i valori di una volta e vanno in giro vestiti da ******* e le banche fanno prestiti solo alla gente che ha già i soldi mentre i poveri lavoratori vengono ********.

Non se ne può più, quando c’era *** la gente era onesta, si dormiva con la porta di casa aperta, con gli ******* ci accendevamo i camini d’inverno e i ***** ** ***** li mandavamo in villeggiatura dallo zio ***** insieme ai ****** *****.

Sarà un caso che si sta sentendo parlare di terrorismo solo negli ultimi vent’anni? Ci abbiamo provato a insegnare le buone maniere ai ***** e agli ********. Li abbiamo lasciati liberi di autogovernarsi in maniera democratica. Li abbiamo accolti nella nostra patria sperando che si integrassero. Ora ditemi, è servito a qualcosa? Quelle ****** non sanno fare altro che ******** le nostre donne, rubarci il lavoro, spacciare e farsi esplodere in piazza in nome di quel ****** ******* che chiamano dio.

Ma non è unicamente colpa loro. Figuriamoci se basta la ***** per fare di un individuo una brava persona. Ci sono anche un sacco di italiani disonesti, ad esempio i falsi invalidi, per altro tutti *******, che si fanno mantenere a scrocco, anche se personalmente butterei nel pozzo alla nascita anche gli ************ ****, che tanto sono solo un peso. E poi ci sono le *******, che insudiciano le nostre strade e diffondono il malcostume. Se sei talmente ****** da farti ******* per soldi almeno abbi la dignità di farlo dove non possono vederti i poveri ragazzini innocenti, *********. 

Oh poveri bambini, se vogliamo cambiare la società dobbiamo ripartire da loro, dobbiamo insegnar loro ad amare la patria, a rispettare Dio e le tradizioni. Dobbiamo far capire loro che ******* **** e ********* ********** sono meglio di maglietta Levi’s e smartphone. Perché sappiatelo, un giorno questi ***** e ******* che ci stanno invadendo ormai da anni si coalizzeranno e ci faranno fuori tutti e se vorrete essere risparmiati dovrete vivere in una roulotte e ******** ** ****** insieme a vostro figlio ******, che avrete concepito insieme a qualche ********* ***** che vi avranno costretto a ingravidare mentre vi tappavate il naso e guardavate da un’altra parte, mai sentito parlare di ***** *******?

E sapete come mai tutto ciò sta succedendo? Chi ci sta trascinando sull’orlo del baratro? A chi obbediscono come cagnolini ammaestrati i nostri “politici”? Ma ovviamente a quei ****** * ***** ****** che rispondono al nome di ***** * ********** * **********. Eh beh ma la colpa è nostra, qualche lungimirante l’aveva capito che gli ***** sono solo dei **** ******** pronti ad azzannare il padrone appena si gira, talmente incapaci a fare altro che incettare soldi che manco ******** **** *****, ma noi a quei pochi salvatori abbiamo riservato il trattamento dei ****** ** *******, esposti appesi a testa in giù per il pubblico ludibrio. Ogni volta che ci penso mi viene da piangere, il nuovo messia trattato come un ***** ** ******* ** ******** mentre quando arriva un ******* ***** ** ******* ********* invece di prenderlo * *********finché non diventa ** ********stendiamo il tappeto rosso e ci mettiamo * ******* *** ** ****** ****** * ** ******** *** ******.Che mondo, che Italia, ********.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...